Trading Forex, quali sono le valute più scambiate?

Il Forex è certamente il mercato finanziario più gettonato e utilizzato da tutti coloro che si sono avvicinati con passione e con dedizione al mondo del trading online.

D’altronde, risulta ben evidente come il mercato valutario possa prestarsi molto bene a divenire oggetto di investimenti finanziari diretti e derivati: concentrandosi poi su alcune coppie di valute si restringe altresì il campo dello studio e dell’aggiornamento, rendendo perfino relativamente semplice l’attività di pianificazione dei propri investimenti. A proposito, sapete bene quali sono le coppie valutarie più scambiate? Quali sono gli oggetti più frequenti degli scambi in Forex?

Le coppie più gettonate dagli investitori

trading forex in valuteIn tale ambito, ci sono ben poche sorprese. Come intuibile la coppia valutaria più scambiata è soprattutto quella EUR / USD, con negoziazioni di euro contro dollaro (o viceversa), soprattutto nelle aree temporali di sovrapposizione. Tra gli altri incroci maggiormente gettonati dagli investitori vi è quello tra USD / JPY (cioè, dollaro statunitense contro yen giapponese) e ancora GBP / USD (ovvero, sterlina britannica contro dollaro statunitense).

Naturalmente, quanto sopra non sta assolutamente a significare che non possiate ottenere le migliori soddisfazioni anche rivolgendo la vostra attenzione ad altri cross valutari.

Tra le coppie che più frequentemente sono oggetto di negoziazione sulle piattaforme di trading dei broker figurano infatti quelle tra AUD e USD (dollaro australiano e dollaro statunitense), USD e CHF (dollaro statunitense e franco svizzero), USD e CAD (dollaro statunitense e dollaro canadese), EUR e JPY (euro e yen giapponese), EURGBP (euro e sterlina britannica), e così via. Sommando gli scambi che avvengono nelle tre coppie più gettonate a quelli che avvengono nelle cinque coppie di cui più sotto, si arriva a ottenere una quota degli scambi complessivi sul Forex che supera il 90%.

Puntare sulle valute emergenti

Ad ogni modo, tenete anche conto che non è necessario investire nelle principali coppie valutarie per poter disporre delle migliori opportunità di successo. Anzi, molto spesso è vero proprio il contrario, visto e considerato che nelle coppie meno liquide possono ben trovarsi delle interessanti possibilità di guadagno, anche con margini molto rilevanti.

Il nostro consiglio è comunque quello di partire dalle coppie più scambiate, sicuramente più agevoli da “trattare” per i nuovi trader. Non solamente si tratta infatti di coppie valutarie che vi permetteranno di ottenere una immediata liquidità, potendo acquistare e vendere in tempo reale le quantità desiderate, bensì si tratta anche di coppie ben “studiabili”: gli aspetti di analisi fondamentale legati al mondo euro e al mondo dollaro sono indubbiamente più semplici da porre al centro dell’attenzione rispetto a quanto non possa accadere con valute appartenenti a mercati evidentemente secondari, per i quali ottenere informazioni di qualità potrebbe risultare difficile e/o faticoso.

Introdotto quanto sopra, bene ad ogni modo cercare di evitare di porsi dei limiti strategici. Ricordate infatti che la diversificazione dei propri investimenti è una buona linea guida che dovrebbe essere “costante” nella formulazione e nella periodica revisione della vostra strategia. Meglio pertanto non escludere alcuna chance di rendimento, assumendo in valutazione anche la possibilità di investire in valute emergenti.

Per far ciò, vi consigliamo di infine di avere l’accortezza di premettere alla fase di investimento in valute emergenti (ma la buona regola potrebbe riguardare anche le valute principali) una fase di testing che vi permetterà di sperimentare se la vostra strategia calata in quel determinato cross valutario sia o meno congrua. Il conto demo messo a disposizione dai principali broker sarà una fondamentale palestra di allenamento: tenetelo a mente!

Add Comment